Print Friendly and PDF

IX° INCONTRO MONDIALE DELLE FAMIGLIE

Dublino, 21-26 agosto 2018.
Al Croke Park Stadium di Dublino, pronunciando il discorso-chiave del suo viaggio in terra d’Irlanda, papa Francesco ha riproposto i tratti e gli accenti più intimi del magistero su matrimonio e famiglia da lui esposto nella Lettera apostolica Amoris laetitia, che è stata distribuita a tutti i partecipanti alle giornate dublinesi. Ha ripetuto che nel volersi bene dei congiunti – marito e moglie, genitori e figli, nonni e nipoti – brilla il riflesso del disegno buono del Creatore per le vite delle creature.

IX° Incontro Mondiale delle Famiglie

L’ONU dichiarò il 1994 “Anno Internazionale della Famiglia”. Anche nella Chiesa, Papa Giovanni Paolo II volle che si celebrasse contemporaneamente un ‘Anno della Famiglia’ e promosse il 1° Incontro Mondiale delle Famiglie, che si svolse a Roma l’8 e 9 ottobre 1994, organizzato, come i successivi, dal Pontificio Consiglio per la Famiglia. Da allora, ogni tre anni, in luoghi diversi del mondo, si tiene un Incontro Mondiale delle Famiglie introdotto da un Congresso teologico pastorale internazionale e concluso, alla presenza del Papa, con una veglia festa delle famiglie e con una grande celebrazione eucaristica finale.
Quest’anno l’evento viene celebrato in Irlanda. "In occasione del prossimo Incontro mondiale delle famiglie ho intenzione di recarmi a Dublino dal 25 al 26 agosto di quest'anno". Lo ha annunciato papa Francesco al termine dell'udienza generale in piazza San Pietro, il 21 marzo scorso. "Ringrazio fin d'ora le autorità civili, i vescovi, il vescovo di Dublino e tutti coloro che collaborano per preparare questo viaggio. Grazie!" Il tema dell’incontro che è in corso di svolgimento è questo: "il Vangelo della famiglia, gioia per il mondo", un tema che sprona a mostrare al popolo dell'Irlanda e alle famiglie dei vari continenti, la bellezza dell’amore coniugale e familiare. Papa Francesco ha concesso il dono dell’indulgenza plenaria in occasione di questo evento, come del resto è consuetudine per i grandi eventi, come ad esempio le Gmg. Le migliaia di partecipanti provengono da oltre 100 Paesi: da 103 nazioni e per la metà arriveranno da fuori Irlanda. Con il 28% dei registrati under 18, questo incontro si configura come quello con il più alto tasso di giovani. I volontari sono 3500; migliaia le richieste di preghiera che vengono raccolte mentre l'icona ufficiale dell’Incontro continua a viaggiare per tutte le diocesi d'Irlanda. Infine, sono centinaia le comunità internazionali di suore di clausura che hanno annunciato che stanno pregando per tutti i partecipanti. Fitta è anche l’agenda del pontefice: sei discorsi in due giorni.