Categorie

Elenco Categorie:

Naufragio. 100 migranti morti al largo della Libia. Recuperati i corpi di tre bambini

NAUFRAGIO. 100 MIGRANTI MORTI AL LARGO DELLA LIBIA. RECUPERATI I CORPI DI TRE BAMBINI

Il portavoce della Marina libica, Ayob Amr Ghasem, ha confermato che "circa 100" migranti sono "dati per dispersi" nel naufragio di un "gommone" avvenuto "ad est di Tripoli".
Hanno atteso in acqua un'ora, nuotando come potevano, aspettando soccorsi che non sono arrivati. Sono morte così 100 persone, 70 uomini e 30 donne, in un naufragio confermato dalla Guardia costiera libica e dall'Alto commissariato dell'Onu per i rifugiati (Acnur), che in un tweet si dice rattristato dalla tragedia.

Il Papa riceve il padre di Alfie: solo Dio è padrone della vita

IL PAPA RICEVE IL PADRE DI ALFIE: SOLO DIO È PADRONE DELLA VITA

Incontro a Santa Marta tra Francesco e il papà di Alfie. Al termine dell'udienza generale il Papa ha voluto di nuovo attirare l’attenzione sul bimbo inglese e su Vincent Lambert, ricordando con forza che l’unico padrone della vita, dall’inizio alla fine naturale, è Dio.

50 ANNI FA A MEMPHIS L’ASSASSINIO DEL REVERENDO MARTIN LUTHER KING

Il 4 aprile del 1968 il reverendo statunitense Martin Luther King Jr., uno dei più importanti e influenti attivisti politici del Novecento, fu ucciso da James Earl Ray con un colpo di fucile mentre era al balcone di un motel di Memphis, in Tennessee. Martin Luther King era il principale leader della lotta contro la discriminazione razziale negli Stati Uniti per cui aveva ottenuto il Premio Nobel per la Pace nel 1964. Un anno prima, nel 1963, Martin Luther King aveva guidato, a Washington, la “Marcia per il lavoro e la libertà” al termine della quale aveva tenuto il suo discorso più celebre con la frase: «I have a dream».

Siria. A Ghouta, roccaforte dei ribelli, la sofferenza dei bambini

SIRIA. A GHOUTA, ROCCAFORTE DEI RIBELLI, LA SOFFERENZA DEI BAMBINI

«Trenta ore di bombardamenti continui, 200 morti, tra cui una sessantina di bambini, 400 feriti gravi». Mohammed Adam, operatore dei White Helmets, i soccorritori siriani nei Ghouta orientale, prova a contenere nei numeri una tragedia che non sembra avere più limiti.

CONCESSE ALTRE ORE A CHARLIE.

I genitori avevano chiesto del tempo per potersi accomiatare dal piccolo prima che i medici stacchino la spina. Veglie di preghiera in tutta Europa.
Una «proroga» per Charlie. Secondo quanto scrive il sito web del Daily Mail, i medici del Great Ormond Street Hospital hanno concesso ai genitori del bambino un tempo addizionale per potersi accomiatare dal figlioletto, prima che la decisione irrevocabile di staccare la spina ai macchinari che lo tengono in vita venga messa in atto. «Stiamo creando ricordi preziosi che porteremo con noi per sempre. Per favore - sono le parole dei genitori - rispettate la nostra privacy mentre ci prepariamo a dare il saluto finale a nostro figlio Charlie». Secondo la stessa fonte, la «proroga» di vita concessa al bimbo potrebbe durare per qualche giorno, forse l'intero fine settimana.

Le agenzie internazionali: «Le Ong in mare sono essenziali per salvare vite»

LE AGENZIE INTERNAZIONALI: «LE ONG IN MARE SONO ESSENZIALI PER SALVARE VITE»

Le istituzioni internazionali fanno quadrato in difesa delle Ong, dopo le accuse lanciate in questi giorni. Da Frontex all’Oim, in tanti riconoscono il ruolo cruciale svolto dalle imbarcazioni pronte a soccorrere profughi in mare aperto.

“Potere alle madri”, la testimonianza di Hauwa Ibrahim

“POTERE ALLE MADRI”, LA TESTIMONIANZA DI HAUWA IBRAHIM

In Nigeria l’avvocatessa, premio Sakharov 2005, strappa centinaia di donne dalla lapidazione e da Boko Haram e crede che per combattere i fondamentalismi non servano le armi, ma le mamme.

Cambogia, il vescovo di periferia che vive con i disabili

CAMBOGIA, IL VESCOVO DI PERIFERIA CHE VIVE CON I DISABILI

Olivier Schmitthaeusler racconta i frutti del Giubileo a Phnom Penh, in una comunità risorta dopo la repressione del regime di Pol Pot.
Il suo episcopio, un semplice edificio nella capitale cambogiana Phnom Penh, è comunque una residenza che si distingue rispetto alle case dei fedeli, la maggior parte assiepati in capanne o casette di legno.

LA TRAGEDIA DI ALEPPO

Video postato su faceebook da 'I am a human'

Guterres, il nuovo “alleato” del Vaticano all’Onu

GUTERRES, IL NUOVO “ALLEATO” DEL VATICANO ALL’ONU

Il politico portoghese è stato nominato dal Consiglio di Sicurezza nuovo Segretario generale delle Nazioni Unite. Il suo lungo impegno in favore dei rifugiati e dei più deboli ne fa un interlocutore privilegiato per la Santa Sede. L’incontro con il Papa nel 2013

LE NAZIONI UNITE AUMENTANO I FONDI UMANITARI

Un aumento di tre miliardi di dollari dei finanziamenti umanitari globali per il 2017, oltre all’impegno per mantenere tale cifra invariata negli anni successivi. Questo il principale esito del secondo vertice sui migranti e rifugiati svoltosi ieri al palazzo di Vetro, fortemente voluto dal presidente statunitense, Barack Obama.

RIPORTATO A GALLA IL BARCONE DELL'ECATOMBE. E LA NOSTRA COSCIENZA EUROPEA?

RIPORTATO A GALLA IL BARCONE DELL'ECATOMBE. E LA NOSTRA COSCIENZA EUROPEA?

Riportato alla superficie il peschereccio che si inabissò il 18 aprile del 2015. Perirono oltre settecento migranti, tra cui decine di bambini e duecento donne. La riemersione di questa enorme "bara", segnerà anche una riemersione della dignità e dell'impegno solidale delle nazioni europee di fronte al dramma dei migranti?

SIRIA, SÌ DEL REGIME ALL'ARRIVO VIA TERRA DEGLI AIUTI AI CIVILI

La Siria ha autorizzato il passaggio e la consegna di aiuti umanitari con convogli terrestri verso 12 città assediate nel corso del mese di giugno. Lo hanno ieri le Nazioni Unite, secondo cui il regime di Damasco ha inoltre dato il via libera al passaggio degli aiuti in altre tre zone in cui si combatte, ma ha opposto il suo veto all’arrivo dei convogli in due aree.

Soccorsi 4.000 migranti, nuove vittime, ma la vita vince: Alex nasce sulla nave

SOCCORSI 4.000 MIGRANTI, NUOVE VITTIME, MA LA VITA VINCE: ALEX NASCE SULLA NAVE

Continua l'emergenza nel Canale di Sicilia. Dopo lo straordinario salvataggio di ieri, ancora un barcone capovolto al largo della Libia (nella foto). Cento i migranti a bordo, più di 90 quelli soccorsi.

“IN CENTRAFRICA LA VISITA DEL PAPA HA SMORZATO LA GUERRA”

A Bangui non si spara più. Il 30 marzo il Paese accoglie il nuovo presidente che ha il compito di risollevare la nazione. La testimonianza dei carmelitani in prima linea nel campo profughi accanto al loro convento.

Pedofilia, 3 milioni di bimbi sfruttati

PEDOFILIA, 3 MILIONI DI BIMBI SFRUTTATI

«Ciao, quanti anni hai?». Inizia così la chat in lingua inglese tra l’uomo, 35 anni, e la sua piccola vittima, una bambina filippina di 10 anni.
La bimba-esca è virtuale, ma nessuno se ne accorge (è stata costruita da esperti informatici per sembrare in carne ed ossa), e la cosa agghiacciante è che in un’ora è stata adescata da 700mila pedofili di tutto il mondo.
Articolo di Lucia Bellaspiga su Avvenire.

Nigeria, un milione di bambini non va a scuola per Boko Haram

NIGERIA, UN MILIONE DI BAMBINI NON VA A SCUOLA PER BOKO HARAM

Gli attacchi di Boko Haram contro le popolazioni civili perpetrati nel nord-est della Nigeria e nei paesi limitrofi hanno costretto più di 1 milione di bambini a lasciare la scuola. Lo fa sapere Unicef: altri 11 milioni di minori in età scolare già tagliati fuori dalla scuola in Nigeria, Camerun, Ciad e Niger.

Cop21, c'è l'accordo sul clima

COP21, C'È L'ACCORDO SUL CLIMA

Alla fine l'accordo è stato raggiunto. Salvare il pianeta abbassando la temperatura globale, restringendo a poco più di un grado e mezzo nel 2020 il riscaldamento massimo consentito rispetto all'era pre-industriale. Un successo raggiunto ai supplementari dopo una notte di trattative. ?un traguardo non scontato che arriva dopo dieci giorni di dibattito.

«Sui migranti bene la Germania. Ma ora si muova tutta l'Ue»

«SUI MIGRANTI BENE LA GERMANIA. MA ORA SI MUOVA TUTTA L'UE»

Padre Camillo Ripamonti, presidente del Centro Astalli (sede italiana del Servizio per i rifugiati dei gesuiti), fa il punto sulla crisi rifugiati in Europa. Il problema può avere solo una soluzione comune e la Germania lo ha capito ma è decisivo rivedere il regolamento di Dublino. Chi fugge dalle guerre non si fermerà davanti a nessuna frontiera bloccata; in Italia è l'ora di passare dall'emergenza-accoglienza all'integrazione e poi serve una legge sul diritto d'asilo

«Redistribuire 100mila profughi in Ue»
Budapest: migranti problema tedesco

«REDISTRIBUIRE 100MILA PROFUGHI IN UE» BUDAPEST: MIGRANTI PROBLEMA TEDESCO

"Ciò di cui abbiamo bisogno è una equa redistribuzione di almeno 100mila rifugiati tra gli Stati dell'Unione europea", che dovrebbero aumentare decisamente la loro volontà di accogliere i rifugiati. Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, parlando a Bruxelles della questione immigrazione. Inoltre, ha aggiunto, i leader europei dovrebbero essere pronti ad aumentare la spesa per gestire la situazione.

Stragi in nome dell'Is.

STRAGI IN NOME DELL'IS.

I sostenitori di Stato islamico hanno rivendicato su Twitter la paternità dell'attacco terroristico sulla spiaggia di due resort di lusso a Sousse, in Tunisia, che ha causato almeno 39 morti tra cui molti turisti stranieri.

«Migranti, l'Europa faccia una scelta di civiltà»

«MIGRANTI, L'EUROPA FACCIA UNA SCELTA DI CIVILTÀ»

«Nessuno ha la sfera di cristallo per leggere il futuro. Ciò nonostante, dopo l’ennesimo disastroso naufragio di centinaia di migranti nel canale di Sicilia, non possiamo permetterci di dormire sonni tranquilli»...

1 di 8

Migranti, Parolin: la chiusura dei porti non è una soluzione

MIGRANTI, PAROLIN: LA CHIUSURA DEI PORTI NON È UNA SOLUZIONE

Così il Segretario di Stato vaticano a margine della presentazione del bilancio 2017 dell'ospedale Bambino Gesù di Roma.
«Con il presidente Mattarella abbiamo parlato di questioni internazionali. Il presidente è tornato da un viaggio nei Pesi baltici, abbiamo parlato del tema dei migranti ma naturalmente all'interno del tema dell'Ue. Su questo abbiamo già espresso preoccupazione per la chiusura dei porti, direi che certamente non è la soluzione».

Il Papa denuncia “l’indifferenza che uccide” il Medio Oriente

IL PAPA DENUNCIA “L’INDIFFERENZA CHE UCCIDE” IL MEDIO ORIENTE

Francesco a Bari con i patriarchi e membri di tutte le Chiese: nella regione «guerra, violenza e distruzione, occupazioni e forme di fondamentalismo, migrazioni forzate e abbandono, il tutto nel silenzio di tanti e con la complicità di molti»

Cena con il Papa e 280 poveri per festeggiare Krajewski

CENA CON IL PAPA E 280 POVERI PER FESTEGGIARE KRAJEWSKI

In Vaticano senzatetto le persone disagiate a tavola con il neo-cardinale polacco. E a sorpresa arriva Francesco per mangiare con loro.

Naufragio. 100 migranti morti al largo della Libia. Recuperati i corpi di tre bambini

NAUFRAGIO. 100 MIGRANTI MORTI AL LARGO DELLA LIBIA. RECUPERATI I CORPI DI TRE BAMBINI

Il portavoce della Marina libica, Ayob Amr Ghasem, ha confermato che "circa 100" migranti sono "dati per dispersi" nel naufragio di un "gommone" avvenuto "ad est di Tripoli".
Hanno atteso in acqua un'ora, nuotando come potevano, aspettando soccorsi che non sono arrivati. Sono morte così 100 persone, 70 uomini e 30 donne, in un naufragio confermato dalla Guardia costiera libica e dall'Alto commissariato dell'Onu per i rifugiati (Acnur), che in un tweet si dice rattristato dalla tragedia.

Giornata mondiale per la Carità del Papa

GIORNATA MONDIALE PER LA CARITÀ DEL PAPA

Domenica 28 giugno è la “Giornata per la carPapa Francesco a Rebibbia: in carcere torna la speranzaità del Papa”, nella quale il vescovo di Roma chiede ai fedeli di “dargli una mano” nel testimoniare al mondo che l’amore universale di Dio si manifesta attraverso l’amore efficace dei cristiani.

La Chiesa in ascolto dei giovani: tra speranze, “scarti” e incertezze

LA CHIESA IN ASCOLTO DEI GIOVANI: TRA SPERANZE, “SCARTI” E INCERTEZZE

Pubblicato l’Instrumentum laboris del Sinodo: web, fake news, gender, sessualità, disoccupazione, famiglia, educazione, razzismo, suicidi, tra i temi proposti da giovani ed episcopati come traccia dei lavori di ottobre.

Papa: serve l’energia ma non a costo di distruggere la civiltà

PAPA: SERVE L’ENERGIA MA NON A COSTO DI DISTRUGGERE LA CIVILTÀ

Un’alleanza per affrontare le due grandi fragilità del mondo: i poveri e l’ambiente. E’ la richiesta di Papa Francesco ai partecipanti all’Incontro sulla transizione energetica e della cura della casa comune, ricevuti in Vaticano. Un Simposio di due giorni tenutosi presso la Casina Pio IV, sede della Pontificia Accademia delle Scienze.

La Chiesa è di casa nello sport, palestra di vita e di fede

LA CHIESA È DI CASA NELLO SPORT, PALESTRA DI VITA E DI FEDE

“Dare il meglio di sé”: questo il titolo del documento presentato nella sala stampa della Santa Sede e pubblicato dal Dicastero Laici, Famiglia e Vita. Il testo condensa il magistero dei Papi e della Chiesa sullo sport mettendo in risalto le analogie tra lo sforzo della competizione e l’impegno nella vita cristiana. Lo sport forma le persone, sia “pulito, umano e giusto”.

Argentina, Francesco alle Caritas: scommettere la propria carne per i poveri

ARGENTINA, FRANCESCO ALLE CARITAS: SCOMMETTERE LA PROPRIA CARNE PER I POVERI

«Voi sapete che la miseria è modesta, sempre si nasconde... Bisogna andare a cercarla. C’è così tanto dolore! Tanta miseria! Così tanti problemi!». Sono riflessioni spontanee, che nascono dall’istinto e dal cuore, quelle che il Papa pronuncia in un videomessaggio inviato agli agenti pastorali delle Caritas in Argentina. Dal Pontefice l’invito ad «accarezzare il cuore della gente» e «scommettere la propria carne» per i poveri.

Papa: i vescovi difendano i fedeli da chi li disorienta

PAPA: I VESCOVI DIFENDANO I FEDELI DA CHI LI DISORIENTA

Vicinanza, coinvolgimento con la vita del proprio gregge, sorveglianza per difendere dai lupi: così nell'omelia a Casa santa Marta, Francesco parla del 'lavoro' dei vescovi a cui spetta custodire e confermare nella fede. E dice: "che non manchi alla Chiesa la custodia dei pastori".

Parolin: “In Corea si è accesa una grande speranza”

PAROLIN: “IN COREA SI È ACCESA UNA GRANDE SPERANZA”

Intervista con il Segretario di Stato: la preoccupazione per la Siria, la pazienza nelle trattative della Cina che mirano soltanto all’unità della Chiesa. “Sono scosso dal caso Alfie”.

Il Papa a Molfetta, dove “anche le pietre parlano di don Tonino Bello”

IL PAPA A MOLFETTA, DOVE “ANCHE LE PIETRE PARLANO DI DON TONINO BELLO”

Nel 25esimo anniversario della morte del suo storico pastore, don Tonino
grande attesa per la visita di Francesco nella città salentina dove il presidente di Pax Christi fu vescovo. Il sacerdote che collaborò con lui alla pastorale giovanile: «Oggi esorterebbe all’accoglienza dei migranti»

Il Papa riceve il padre di Alfie: solo Dio è padrone della vita

IL PAPA RICEVE IL PADRE DI ALFIE: SOLO DIO È PADRONE DELLA VITA

Incontro a Santa Marta tra Francesco e il papà di Alfie. Al termine dell'udienza generale il Papa ha voluto di nuovo attirare l’attenzione sul bimbo inglese e su Vincent Lambert, ricordando con forza che l’unico padrone della vita, dall’inizio alla fine naturale, è Dio.

Le parole di Francesco sull'inferno: “eterno abisso di solitudineˮ

LE PAROLE DI FRANCESCO SULL'INFERNO: “ETERNO ABISSO DI SOLITUDINEˮ

Papa Bergoglio ha citato numerose volte gli inferi, che non sono un luogo ma uno stato nel quale si sceglie di essere rifiutando l'amore di Dio.
Papa Francesco nei primi cinque anni di pontificato ha parlato moltissime volte del demonio, essere personale e tentatore, e ha citato in varie occasioni anche l'inferno. La pena principale dell'inferno, si legge nel Catechismo della Chiesa cattolica al numero 1035 «consiste nella separazione eterna da Dio, nel quale soltanto l'uomo può avere la vita e la felicità per le quali è stato creato e alle quali aspira»...

Messa in Coena Domini e lavanda di piedi a Regina Coeli.

MESSA IN COENA DOMINI E LAVANDA DI PIEDI A REGINA COELI.

«Una pena che non è aperta alla speranza non è cristiana né umana». Confida che si opererà alla cataratta e invita i detenuti a uno «sguardo nuovo» aperto alla speranza.
Se nel corso della storia «tanti re, imperatori, capi di Stato avessero capito» l’insegnamento di Gesù che, lavando i piedi ai suoi discepoli, ha mostrato che «chi comanda deve servire», «invece di comandare, essere crudeli, uccidere gente», «quante guerre non sarebbero state fatte!»...

IL PAPA: LA CROCE? NON È ORNAMENTO O UN “ACCESSORIO D’ABBIGLIAMENTO”

All’Angelus il Papa spiega che il «mistero della morte del Figlio di Dio è supremo atto di amore, fonte di vita. Il crocifisso è un segno religioso da contemplare e comprendere»

“Sui migranti la politica troppo fragile, ha alimentato la paura”

“SUI MIGRANTI LA POLITICA TROPPO FRAGILE, HA ALIMENTATO LA PAURA”

Il patriarca di Venezia, Francesco Moraglia: non c’è sfiducia nelle istituzioni, ma in certi leader. I giovani sono stufi di slogan e promesse mirabolanti.

Il Papa istituisce nel calendario la festa di Maria madre della Chiesa

IL PAPA ISTITUISCE NEL CALENDARIO LA FESTA DI MARIA MADRE DELLA CHIESA

Un decreto del cardinale Sarah, prefetto del Culto divino, stabilisce la memoria obbligatoria nel rito romano per il lunedì dopo Pentecoste.
«Il Sommo Pontefice Francesco, considerando attentamente quanto la promozione di questa devozione possa favorire la crescita del senso materno della Chiesa nei Pastori, nei religiosi e nei fedeli, come anche della genuina pietà mariana, ha stabilito che la memoria della beata Vergine Maria, madre della Chiesa, sia iscritta nel calendario romano nel lunedì dopo Pentecoste e celebrata ogni anno»

Siria. A Ghouta, roccaforte dei ribelli, la sofferenza dei bambini

SIRIA. A GHOUTA, ROCCAFORTE DEI RIBELLI, LA SOFFERENZA DEI BAMBINI

«Trenta ore di bombardamenti continui, 200 morti, tra cui una sessantina di bambini, 400 feriti gravi». Mohammed Adam, operatore dei White Helmets, i soccorritori siriani nei Ghouta orientale, prova a contenere nei numeri una tragedia che non sembra avere più limiti.

“La Quaresima non è triste. Dobbiamo respingere i falsi valori”

“LA QUARESIMA NON È TRISTE. DOBBIAMO RESPINGERE I FALSI VALORI”

Il Papa all’Angelus: «Spogliarci dell’egoismo». Augura ai detenuti «riconciliazione e rinnovamento della vita». Poi l’appello ai giovani per il Sinodo dei vescovi a loro dedicato.
«La Quaresima è un cammino di conversione e di lotta contro il male, bisogna avere il coraggio di respingere tutto ciò che ci porta fuori strada, i falsi valori che ci ingannano attirando in modo subdolo il nostro egoismo», afferma Francesco all’Angelus. Il male è «all’opera dove ci sono violenze, guerre, ingiustizie» e non bisogna perdere tempo, la felicità non è nella ricchezza o nella carriera...

“Egoismo, superbia, e corruzione sono malattie del cuore”

“EGOISMO, SUPERBIA, E CORRUZIONE SONO MALATTIE DEL CUORE”

«Il peccato e non la malattia ci rende impuri», afferma il Papa. Per evitare ai malati «la solitudine e l’emarginazione» Francesco raccomanda «adeguata assistenza sanitaria e carità fraterna che sa farsi attenzione concreta e solidale».

GIORNATA DIOCESANA DEL SEMINARIO

GIORNATA DIOCESANA DEL SEMINARIO
DOMENICA 21 GENNAIO

Carissimi fedeli della Diocesi di Reggio Emilia – Guastalla, domenica 21 gennaio, come ogni anno, si tiene la giornata di sostegno al seminario della nostra Diocesi. È sempre straordinario vedere come sia viva la sensibilità dei fedeli al sostegno dei nostri giovani che rispondono positivamente alla chiamata del Signore al sacerdozio. È davvero importante che si intensifichino le preghiere a Dio affinché la Chiesa di ReggioEmilia Guastalla possa accompagnare, preparare e portare al sacerdozio nuovi giovani. Spetta a ciascuno di noi trovare le parole per sensibilizzare il popolo a noi affidato a pregare per sempre nuove vocazioni e a sostenere con la colletta di domenica lo studio e la preparazione dei nostri seminaristi.
Massimo Camisasca, vescovo

1 di 39

Don Gabriele - Lettere dal Brasile
Lettere di Don Gabriele Burani parroco di Ipirá, Bahia, Diocesi di Ruy Barbosa.