Categorie

Elenco Categorie:

CONCESSE ALTRE ORE A CHARLIE.

I genitori avevano chiesto del tempo per potersi accomiatare dal piccolo prima che i medici stacchino la spina. Veglie di preghiera in tutta Europa.
Una «proroga» per Charlie. Secondo quanto scrive il sito web del Daily Mail, i medici del Great Ormond Street Hospital hanno concesso ai genitori del bambino un tempo addizionale per potersi accomiatare dal figlioletto, prima che la decisione irrevocabile di staccare la spina ai macchinari che lo tengono in vita venga messa in atto. «Stiamo creando ricordi preziosi che porteremo con noi per sempre. Per favore - sono le parole dei genitori - rispettate la nostra privacy mentre ci prepariamo a dare il saluto finale a nostro figlio Charlie». Secondo la stessa fonte, la «proroga» di vita concessa al bimbo potrebbe durare per qualche giorno, forse l'intero fine settimana.

Le agenzie internazionali: «Le Ong in mare sono essenziali per salvare vite»

LE AGENZIE INTERNAZIONALI: «LE ONG IN MARE SONO ESSENZIALI PER SALVARE VITE»

Le istituzioni internazionali fanno quadrato in difesa delle Ong, dopo le accuse lanciate in questi giorni. Da Frontex all’Oim, in tanti riconoscono il ruolo cruciale svolto dalle imbarcazioni pronte a soccorrere profughi in mare aperto.

“Potere alle madri”, la testimonianza di Hauwa Ibrahim

“POTERE ALLE MADRI”, LA TESTIMONIANZA DI HAUWA IBRAHIM

In Nigeria l’avvocatessa, premio Sakharov 2005, strappa centinaia di donne dalla lapidazione e da Boko Haram e crede che per combattere i fondamentalismi non servano le armi, ma le mamme.

Cambogia, il vescovo di periferia che vive con i disabili

CAMBOGIA, IL VESCOVO DI PERIFERIA CHE VIVE CON I DISABILI

Olivier Schmitthaeusler racconta i frutti del Giubileo a Phnom Penh, in una comunità risorta dopo la repressione del regime di Pol Pot.
Il suo episcopio, un semplice edificio nella capitale cambogiana Phnom Penh, è comunque una residenza che si distingue rispetto alle case dei fedeli, la maggior parte assiepati in capanne o casette di legno.

LA TRAGEDIA DI ALEPPO

Video postato su faceebook da 'I am a human'

Guterres, il nuovo “alleato” del Vaticano all’Onu

GUTERRES, IL NUOVO “ALLEATO” DEL VATICANO ALL’ONU

Il politico portoghese è stato nominato dal Consiglio di Sicurezza nuovo Segretario generale delle Nazioni Unite. Il suo lungo impegno in favore dei rifugiati e dei più deboli ne fa un interlocutore privilegiato per la Santa Sede. L’incontro con il Papa nel 2013

LE NAZIONI UNITE AUMENTANO I FONDI UMANITARI

Un aumento di tre miliardi di dollari dei finanziamenti umanitari globali per il 2017, oltre all’impegno per mantenere tale cifra invariata negli anni successivi. Questo il principale esito del secondo vertice sui migranti e rifugiati svoltosi ieri al palazzo di Vetro, fortemente voluto dal presidente statunitense, Barack Obama.

RIPORTATO A GALLA IL BARCONE DELL'ECATOMBE. E LA NOSTRA COSCIENZA EUROPEA?

RIPORTATO A GALLA IL BARCONE DELL'ECATOMBE. E LA NOSTRA COSCIENZA EUROPEA?

Riportato alla superficie il peschereccio che si inabissò il 18 aprile del 2015. Perirono oltre settecento migranti, tra cui decine di bambini e duecento donne. La riemersione di questa enorme "bara", segnerà anche una riemersione della dignità e dell'impegno solidale delle nazioni europee di fronte al dramma dei migranti?

SIRIA, SÌ DEL REGIME ALL'ARRIVO VIA TERRA DEGLI AIUTI AI CIVILI

La Siria ha autorizzato il passaggio e la consegna di aiuti umanitari con convogli terrestri verso 12 città assediate nel corso del mese di giugno. Lo hanno ieri le Nazioni Unite, secondo cui il regime di Damasco ha inoltre dato il via libera al passaggio degli aiuti in altre tre zone in cui si combatte, ma ha opposto il suo veto all’arrivo dei convogli in due aree.

Soccorsi 4.000 migranti, nuove vittime, ma la vita vince: Alex nasce sulla nave

SOCCORSI 4.000 MIGRANTI, NUOVE VITTIME, MA LA VITA VINCE: ALEX NASCE SULLA NAVE

Continua l'emergenza nel Canale di Sicilia. Dopo lo straordinario salvataggio di ieri, ancora un barcone capovolto al largo della Libia (nella foto). Cento i migranti a bordo, più di 90 quelli soccorsi.

“IN CENTRAFRICA LA VISITA DEL PAPA HA SMORZATO LA GUERRA”

A Bangui non si spara più. Il 30 marzo il Paese accoglie il nuovo presidente che ha il compito di risollevare la nazione. La testimonianza dei carmelitani in prima linea nel campo profughi accanto al loro convento.

Pedofilia, 3 milioni di bimbi sfruttati

PEDOFILIA, 3 MILIONI DI BIMBI SFRUTTATI

«Ciao, quanti anni hai?». Inizia così la chat in lingua inglese tra l’uomo, 35 anni, e la sua piccola vittima, una bambina filippina di 10 anni.
La bimba-esca è virtuale, ma nessuno se ne accorge (è stata costruita da esperti informatici per sembrare in carne ed ossa), e la cosa agghiacciante è che in un’ora è stata adescata da 700mila pedofili di tutto il mondo.
Articolo di Lucia Bellaspiga su Avvenire.

Nigeria, un milione di bambini non va a scuola per Boko Haram

NIGERIA, UN MILIONE DI BAMBINI NON VA A SCUOLA PER BOKO HARAM

Gli attacchi di Boko Haram contro le popolazioni civili perpetrati nel nord-est della Nigeria e nei paesi limitrofi hanno costretto più di 1 milione di bambini a lasciare la scuola. Lo fa sapere Unicef: altri 11 milioni di minori in età scolare già tagliati fuori dalla scuola in Nigeria, Camerun, Ciad e Niger.

Cop21, c'è l'accordo sul clima

COP21, C'È L'ACCORDO SUL CLIMA

Alla fine l'accordo è stato raggiunto. Salvare il pianeta abbassando la temperatura globale, restringendo a poco più di un grado e mezzo nel 2020 il riscaldamento massimo consentito rispetto all'era pre-industriale. Un successo raggiunto ai supplementari dopo una notte di trattative. ?un traguardo non scontato che arriva dopo dieci giorni di dibattito.

«Sui migranti bene la Germania. Ma ora si muova tutta l'Ue»

«SUI MIGRANTI BENE LA GERMANIA. MA ORA SI MUOVA TUTTA L'UE»

Padre Camillo Ripamonti, presidente del Centro Astalli (sede italiana del Servizio per i rifugiati dei gesuiti), fa il punto sulla crisi rifugiati in Europa. Il problema può avere solo una soluzione comune e la Germania lo ha capito ma è decisivo rivedere il regolamento di Dublino. Chi fugge dalle guerre non si fermerà davanti a nessuna frontiera bloccata; in Italia è l'ora di passare dall'emergenza-accoglienza all'integrazione e poi serve una legge sul diritto d'asilo

«Redistribuire 100mila profughi in Ue»
Budapest: migranti problema tedesco

«REDISTRIBUIRE 100MILA PROFUGHI IN UE» BUDAPEST: MIGRANTI PROBLEMA TEDESCO

"Ciò di cui abbiamo bisogno è una equa redistribuzione di almeno 100mila rifugiati tra gli Stati dell'Unione europea", che dovrebbero aumentare decisamente la loro volontà di accogliere i rifugiati. Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, parlando a Bruxelles della questione immigrazione. Inoltre, ha aggiunto, i leader europei dovrebbero essere pronti ad aumentare la spesa per gestire la situazione.

Stragi in nome dell'Is.

STRAGI IN NOME DELL'IS.

I sostenitori di Stato islamico hanno rivendicato su Twitter la paternità dell'attacco terroristico sulla spiaggia di due resort di lusso a Sousse, in Tunisia, che ha causato almeno 39 morti tra cui molti turisti stranieri.

«Migranti, l'Europa faccia una scelta di civiltà»

«MIGRANTI, L'EUROPA FACCIA UNA SCELTA DI CIVILTÀ»

«Nessuno ha la sfera di cristallo per leggere il futuro. Ciò nonostante, dopo l’ennesimo disastroso naufragio di centinaia di migranti nel canale di Sicilia, non possiamo permetterci di dormire sonni tranquilli»...

La Libia esplode, in mare si muore

LA LIBIA ESPLODE, IN MARE SI MUORE

Dopo la recentissima tragedia che avrebbe provocato oltre 330 vittime...

Pakistan, orrore per la strage di studenti

PAKISTAN, ORRORE PER LA STRAGE DI STUDENTI

Più di 130 morti, di cui oltre 120 tra bambini e ragazzi, nell'attacco talebano a una scuola a Peshawar, che ospita allievi dai 7 ai 14 anni, prevalentemente figli di militari.

Timide aperture in Burkina Faso dopo il golpe militare

TIMIDE APERTURE IN BURKINA FASO DOPO IL GOLPE MILITARE

Situazione sempre più tesa nel Burkina Faso, con l’esercito che è intervenuto ieri con la forza nella capitale, Ouagadougou, per disperdere una manifestazione di protesta contro la presa del potere da parte del colonnello Isaac Zida, gradito ai vertici militari.

«IN MARE PIÙ MORTI CHE VIVI»
I DRAMMATICI MOMENTI DEL NAUFRAGIO DELL’11 OTTOBRE 2013 - H24 TRATTO DA "LA SCELTA DI CATIA"

L’11 ottobre del 2013, a poco più di una settimana dalla strage al largo di Lampedusa in cui morirono 363 migranti, Nave Libra intercetta in mare e soccorre centinaia di altri immigrati finiti in acqua dopo il naufragio della barca su cui viaggiavano.

Padre Jorge Hernandez, argentino, da 5 anni è parroco nella Striscia. Ci racconta la sua giornata, tra preghiera e assistenza a sfollati e feriti.

PADRE JORGE HERNANDEZ, ARGENTINO, DA 5 ANNI È PARROCO NELLA STRISCIA. CI RACCONTA LA SUA GIORNATA, TRA PREGHIERA E ASSISTENZA A SFOLLATI E FERITI.

Al telefono si fatica a parlare: ronzano i droni, scoppiano gli ordigni. Intanto l'offensiva di Israele sul sobborgo Sajaya ha provocato solo nella mattinata del 20 luglio altri 60 morti palestinesi.

Nelson Mandela Day, il mondo ricorda Madiba

NELSON MANDELA DAY, IL MONDO RICORDA MADIBA

Si celebra in tutto il mondo il Nelson Mandela Day. Il leader sudafricano in prima fila nella lotta contro l'apartheid è nato il 18 luglio 1918 e oggi avrebbe compiuto 96 anni. Google, il motore di ricerca, celebra questa giornata con un 'doodle' speciale (il logo col quale si apre la pagina del motore web): si tratta di un'animazione che ricorda Mandela attraverso alcune delle sue frasi più significative.

Gaza, l'Egitto apre il valico ai feriti

GAZA, L'EGITTO APRE IL VALICO AI FERITI

Netanyahu: una tregua con Hamas «non è in agenda». Nella Striscia oltre 70 morti e 550 feriti. Razzi contro Israele: nel mirino la centrale nucleare di Dimona. L'allarme di Caritas Jerusalem: fermate le stragi di donne e bambini.

Editoriale di Avvenire del 10/07/14

Il Papa: «Inaccettabili le persecuzioni per la fede religiosa»

IL PAPA: «INACCETTABILI LE PERSECUZIONI PER LA FEDE RELIGIOSA»
«GRANDE DOLORE PER I CRISTIANI PERSEGUITATI»

Il Pontefice a un convegno sulla libertà religiosa.
«Risulta incomprensibile e preoccupante» che nel mondo «permangano discriminazioni e restrizioni di diritti per il solo fatto di appartenere e professare pubblicamente una determinata fede». Così Papa Francesco ricevendo i partecipanti al Convegno Internazionale sulla libertà religiosa promosso dal Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università Lumsa e dalla School of Law della St. John's University. Per il Pontefice è «motivo di grande dolore constatare che i cristiani nel mondo subiscono il maggior numero di tali discriminazioni. La persecuzione contro i cristiani oggi è addirittura più forte che nei primi secoli della Chiesa, e ci sono più cristiani martiri che in quell'epoca».

Quei profughi siriani alla stazione di Milano

QUEI PROFUGHI SIRIANI ALLA STAZIONE DI MILANO

Seconda notte sui marmi della Stazione Centrale di Milano. Per decine di famiglie siriane in fuga dalla guerra, il mezzanino dello scalo ferroviario è diventato riparo per la notte, luogo dove mangiare, spazio d'attesa. Milano come Lampedusa, punto di snodo lungo le rotte che portano dalla Siria alla Libia, attraverso il Mar Mediterraneo fino alla Sicilia per poi risalire lungo la penisola: destinazione finale, Germania e Svezia.

Immigrati, il rebus degli arrivi

IMMIGRATI, IL REBUS DEGLI ARRIVI

Perplessità e preoccupazione per il futuro delle operazioni di pattugliamento "Mare nostrum", che in questi mesi hanno salvato migliaia di vite umane nel Mediterraneo. Soprattutto in un periodo di forte aumento di arrivi di famiglie con bambini piccoli e minori non accompagnati.
«È prevedibile un’impennata di arrivi via mare di africani e di siriani, però prepariamoci ad accogliere 60 mila persone – sostiene Christopher Hein, direttore del Consiglio italiano per i rifugiati...

UCRAINA, FILORUSSI DI NUOVO IN PIAZZA

Manifestazioni a Donetsk e Kharkiv nell'est. Respinti gli osservatori Osce in Crimea. Mosca minaccia di fermare le ispezioni ai propri arsenali, come reazione alle sanzioni, e chiede indagini internazionali sui cecchini a Kiev.
(da Avvenire)

Armeni, in Siria conversioni all’Islam forzate

ARMENI, IN SIRIA CONVERSIONI ALL’ISLAM FORZATE

Nei giorni scorsi diversi siti web hanno riferito che i guerriglieri dell’Isis, collegati ad al-Qaeda, avrebbero commesso atrocità contro gli infedeli.

(da Vatican Insider - la Stampa del 17/01/14)

1 di 6